Computing distribuito

Computing distribuito: il tuo PC in rete al servizio della scienza

Computing distribuito: condividiamo il nostro PC e mettiamo a disposizione il processore per dare un piccolo contributo alla ricerca in campo scientifico; il tallone di Achille di molti progetti rimane ancora l’immensa mole di operazioni di calcolo che i computer devono eseguire sui dati grezzi dei vari esperimenti o rilevazioni per arrivare a una serie di modelli, rappresentazioni e dati “leggibili”.
Attraverso software di gestione molto “leggeri” è possibile anche per i non addetti ai lavori accedere a certi pacchetti di dati grezzi relativi a determinati progetti, messi a disposizione sulla Rete…che non aspettano altro che essere elaborati!
Quando il nostro PC è in “idle”, in pausa o senza comunque avere un eccessivo carico di lavoro, ecco che la potenza del processore viene messa al servizio dei progetti di ricerca che abbiamo selezionato! Noi e tanti altri utenti andiamo a creare un network la cui capacità di calcolo può davvero raggiungere livelli notevoli.

Attraverso il software manager BOINC e il sito di riferimento boincstats.com/it/bam, ecco cosa sto seguendo in questo periodo:

computing distribuitoSETI@home il celebre programma di ricerca di segnali radio nel cosmo, ipoteticamente trasmessi da civiltà extraterrestri evolute.

computing distribuito

 

Rosetta@home una ricerca nel campo della Biologia e della Medicina.

 

computing distribuitoEinstein@home ricerca ed elaborazione delle radiazioni emesse dalle pulsar, le incredibili stelle di neutroni.

computing condiviso

L’interfaccia di BOINC che mostra una piccola parte di lavoro quasi completata per SETI@home

I commenti sono chiusi.